Canadian and New Zealand Decision

canada-australia-medical-tourism

Canadian Dollar (CAD) – New Zealand Dollar (NZD)

Later today we will have Canada and New Zealand rate decision: we expect BOC and RBNZ will leave rate unchanged at 0,50% and 2,50%, without any surprise on the market, which have already priced the non-move.

In particular the BOX non-move is based on the combination of three factors: first the deteriorating fiscal condition since January, caused mainly by an appreciation of the CAD. On the other hand there’s the Q4 growth rate of 0,8% opposed to the 0% expectation of the BOC. The third factor which suggests a non-move today is represented by the fiscal stimulus expected on the 22h of March.

The New Zealand, instead, remains trapped in a dual situation: a strong and comfortable domestic situation, opposed to high external risks from which the NZD is strongly correlated.

The NZD/USD exchange rate at the moment is 15,8% below the 5 year average, 11% below the 10 year and 3% below the 15 year one, movement that has been strongly influenced by the US rate normalization.

Technically speaking the USD/CAD after a positive yesterday trading session and a small spike on the opening today, is retracing down and probably it will mime the oil movements which at the moment is almost flat.

On the contrary, the NZD/USD after a small drop on the opening is bounced up +0,06% and now is trading at 0,6740. The first significant resistance is at 0,6789, while on the other hand the first support level is seen at 0,6700.


Dollaro Canadese (CAD) – Dollaro Neozelandese (NZD)
Quest’oggi sul tardo pomeriggio verranno prese le decisioni sui tassi d’interesse di Canada e Nuova Zelanda: secondo le previsioni sia la BOC che la RBNZ dovrebbero lasciare i tassi invariati rispettivamente allo 0,50% e al 2,50%, senza prendere di sorpresa i mercati che hanno già completamente prezzato queste due non-manovre.
In modo particolare la non-decisione della BOC è basata sulla combinazione di tre fattori: innanzitutto il deterioramento della condizione fiscale da inizio Gennaio, causata in particolare modo dall’apprezzamento del CAD. In contrapposizione c’è la crescita dello 0,8% dell’ultimo trimestre del 2015 contro le aspettative dello 0% della banca centrale. Il terzo fattore che suggerisce un mantenimento dei tassi attuali riguarda gli stimoli fiscali che sono previsti per il 22 Marzo.
La Nuova Zelanda, invece, rimane intrappolata in una duplice situazione: una situazione domestica solida e confortante, contrapposta a forti rischi provenienti dall’esterno e a cui il NZD è pesantemente correlato.
Il cambio NZD/USD è al momento 15,8% al di sotto della media a 5 anni, 11% sotto quella a 10 anni e 3% sotto quella a 15 anni, movimento che è stato sicuramente influenzato dal periodo di normalizzazione dei tassi Americani.
Tecnicamente il USD/CAD dopo una seduta molto positiva ieri ed un lieve spike in apertura quest’oggi, sta rintracciando al ribasso e probabilmente si porterà a mimare i movimenti del petrolio che in questo momento è quasi flat.
Il NZD/USD, invece, dopo un leggero drop in apertura è rimbalzato ora a +0,06% scambiando al momento 0,6740. La prima resistenza di rilievo è vista a 0,6789 mentre al contrario il primo livello di supporto potrebbe essere incontrato a 0,6700.

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s